e commerce mono prodotto

Ecommerce mono prodotto

Hai un solo prodotto/servizio da vendere e non sai se vale la pena mettere su un sito per poterlo commercializzare. Oppure non sai quanto ti costerebbe.


La prima regola è che se si tratta di commercializzare un solo prodotto proporrei di non investire in maniera eccessiva sulla piattaforma software di ecommerce.

Le strade percorribili sono essenzialmente due:

- possiamo implementare un sito dinamico (ovvero direttamente aggiornabile in autonomia)

- oppure "statico / monopagina” e delegare la parte di "vendita" direttamente con contatti tramite apposito form sul sito web.

Cerco di riassumere qui le differenze tra i due tipi di sito.

Sito Dinamico

Vantaggi

Svantaggi

E’ possibile aggiornarlo in autonomia attraverso un pannello di controllo di amministrazione. Per tanto non richiede l’intervento del web designer.

Ha un costo più elevato in termini di implementazione e manutenzione (occorre acquisire un hosting particolare che consenta la gestione di un database relazione sul quale il sito web si appoggia per memorizzare le modifiche apportate dall’utente)

In fase di ottimizzazione SEO (Search Engine Optimization ovvero la tecnica che fa sì che i motori di ricerca indicizzino e posizionino al meglio il sito web), è più semplice sottomettere i contenuti visto che “dovrebbero” cambiare spesso e quindi avere il criterio di “novità” e “approfondimento”.

La gestione è più onerosa in termini di tempo “personale”. Infatti un sito dinamico che punta sul “content marketing” (ovvero la capacità di promuovere il proprio sito attraverso contenuti di qualità) richiede un notevole tempo di intervento da parte dell’utente che dovrà spesso redigere pagine informative (articoli, ricette, curiosità) che attraggano il pubblico.

E’ possibile espanderlo in una seconda fase aggiungendo altri prodotti e acquisendo una piattaforma di ecommerce (con carrello, gestione degli ordini, etc)

Le espansioni richiedono delle spese di upgrade del software.

 

Sito Statico (Monopagina)

Vantaggi

Svantaggi

E’ solitamente più economico e dal punto di vista “grafico” il webdesigner ha una maggiore “libertà”.

Qualsiasi aggiornamento al sito deve essere richiesto al webdesigner con dispendio di costi e tempo.

E’ mirato alla massimizzazione del tasso di conversione (ovvero il rapporto visitatori-clienti sarà molto più alto rispetto ad un ecommerce tradizionale) perché il cliente verrà indirizzato immediatamente sul prodotto che trattiamo. Si potrebbe “quasi” parlare di “landing page” (pagina di atterraggio che spinge l’utente a compiere una determinata azione: in questo caso l’acquisto).

Occorre investire in pubblicità a pagamento sui motori di ricerca o nei social network. Un sito statico non ha molte speranze di finire in maniera organica all’interno dei risultati di ricerca di google (o altro motore).

E’ solitamente più veloce da caricare (non deve interrogare un database per mostrare i contenuti dinamici).

Non può essere in alcun modo “upgradato” a meno che non si elimini e si passi ad un sito dinamico o si richieda il costante intervento di un web designer.

 

La domanda vera da porsi è: 

Ho tempo da dedicare al tuo sito web?

Quello che mi sento di consigliare, solo nel caso che abbiate tempo da dedicare al sito, è la costruzione di un sito dinamico che a fronte di un costo di start-up maggiore vi dà la possibilità di pianificare meglio gli investimenti pubblicitari successivi.

Ho sempre creduto che un sito internet, come qualsiasi altro “investimento”, si debba autofinanziare nel tempo.

Se creiamo un sito dinamico e pian piano, attraverso l’inserimento di contenuti di qualità, riusciamo ad indicizzarlo correttamente nelle SERP (Search Engine Report Page) dei motori di ricerca (magari ottenendo un buon rankign per un keyword cloud predeterminato), sicuramente dall’analisi delle statistiche di accesso potremmo capire meglio verso quali investimenti pubblicitari indirizzarci.

Se invece “non avete tempo” da dedicare all’inserimento di contenuti sul stio web, allora l’unica strada percorribile è quella di fare “pubblicità” al sito web attraverso Google AdWords, Facebook For Business, etc.

In questo caso l’investimento economico viene spostato molto più sulla parte pubblicitaria che non su quella realizzativa.

 

Conclusioni sullo sviluppo di siti e-commerce in generale

In ogni caso, che si abbiano uno o più prodotti, le transazioni economiche possono avvenire attraverso la piattaforma PayPal (che accetta quasi tutti i tipi di pagamento elettronico ed è largamente usata e garantita).

Come si sa, il conto PayPal è gratuito ma viene richiesta una fee sulle transazioni (sul venduto) di circa il 3,4%. Qui potrete trovare maggiori informazioni: https://www.paypal.com/it/webapps/mpp/paypal-fees

Spero di avervi aiutato.

Se avete suggerimenti o domande commentate pure utilizzando l'apposita area qui sotto.

 


Commenti

Lascia un commento

Sistema Antibot Sistema Anti-Bot
Inserire il risultato dell'operazione per proseguire:

 

News informatica correlate in Blog Consulenza IT Gratuita in Valdarno   Articoli Correlati di Blog Consulenza IT Gratuita in Valdarno


Seguici sui social network!